Il tempo tintore

C’è un tempo per navigare. Uno per progettare approdi.C’è un tempo per staccare le mani dal timone. Un altro per osservare la meta, che sembra sia stata abbozzata un momento prima; altre volte vite prima.C’è un tempo per aprire la porta. Un altro per preparare uno zaino; è sufficiente.Una serie di fuochi sacri hanno puntellato il senso dell’ultimo solstizio d’inverno.Quello del tempo giusto. Non prima.Canali tenuti aperti con la tenacia di chi ha perso quasi tutto per strada, spostandosi da una locanda all’altra e nutrendosi di accoglienze confortevolmente subdole.Da ciò che resta si attinge una forza che sembra sovraumana. Sembra.Si … Continua a leggere Il tempo tintore

Onore agli angeli guerrieri.

Materia d’angelo si è fatta densa per di_segni imperscrutabili. La Ragione abbassa il capo. L’Essenza è in noi, e sa. Sa anche ciò che deve tacere. Così, l’ignoranza nutre la Paura. Dallo Scuro profondo un ghigno! Un appiglio comunque c’è. Un salvavita. Gli angeli di carne sono portati a tessere tele. Grandi, complesse, fatte sempre di fili sottilissimi; invisibili agli occhi disattenti, o non pronti. Quando qualcuno di…loro…scivola, o ne ha sentore, può lanciare uno sguardo fulmineo a un altro angelo e questi, all’istante, prima dello spazio temporale che annuncia l’istante!, gli consente di tenersi a uno di quei fili, … Continua a leggere Onore agli angeli guerrieri.

animamente

Anima, cuore e mente, a tradimento, fanno comunella. Precipitosamente e sempre a tradimento tornano indietro di eoni ed eoni. Non ci sono. Io. Flusso e cronicizzazione. Sono nell’uno e sono nell’altro. Spintonata; strattonata. Compostezza e ardire. Limite e confine. – Sei sicuro che fossi la persona che cercavi stanotte? – Si. – Ne riconosci il viso? I suoi segni? – Si. Mi mancavano. Mi mancava il sorriso dal profumo di frutta dolce. I delfini tranquillizzano l’attesa. Il crepitio sostiene il dono. “Sai sgominare i draghi e fatichi ad accettare un fiorellino in regalo”. Lo dice Pat. Centra sempre, pare. Continua a leggere animamente

Archetipi.

Azzate San Giovanni e nu durmire ca sta visciu tre triste negghie vinire: una te acqua una te jentu una te triste malitiempu.  Azzate, ca te mandamu ‘ntra nu postu scuru a ddu nun c’è acqua chiara a ddu nun c’è luna a ddu nun c’è nuggia creatura!   Alzati San Giovanni e non dormire che vedo tre cupe “nuvole” arrivare: una di acqua una di vento una di cattivo tempo. Alzati, che ti mandiamo in un posto oscuro (per portarvi le tre cupe nuvole) dove non c’è acqua “chiara” dove non c’è (luce di) luna dove non vi abita … Continua a leggere Archetipi.