Continuare ad amare

 

Può accadere nel corso del fiume a volte ampio a volte stretto, altre profondo, ripido; altre placido, trasparente o turbolento, della Vita,

che ci imbattiamo nel nostro pezzo d’anima smarrito.

congiungersi

Il riconoscimento è alcune volte immediato, altre più lento, come a dare al corpo mentale ed a quello emozionale il giusto tempo per reggere l’impatto, che nei fatti si rivelerà sconvolgente, della novità.

Quando i pezzi d’anima smarriti si ritrovano, essi si ri-congiungono con una naturalezza ed una spontaneità eccezionalmente intense. L’incastro, energetico e perciò materialmente invisibile, diventa chiaramente percepibile a chiunque accada di entrare nel campo sensoriale delle due persone quando sono assieme.

Ma noi umani siamo fatti di più livelli, e perciò è inevitabile, oltre che auspicabile, che quando ci si incontra ciò avvenga in modo generale, totale, onnicomprensivo; oggigiorno per rendere questa idea va di moda l’aggettivo “olistico”.

È a questo punto che le dimensioni vitali di una e dell’altra persona si mettono in gioco e decidono cosa fare della propria futura, rispettiva esistenza.

E non sempre entrambe fanno la stessa scelta. Dovrebbe essere scontato, talmente ovvio da non stare nemmeno a parlarne, che entrambe scelgano di stringersi per mano e avviarsi lungo lo stesso sentiero.
unico

Ma davanti ai bivi delle scelte su come vivere, con chi, se e quanto dimostrare di essere degni di essere chiamati “uomo” o “donna”, e quindi se e quanto accettare la possibilità di portare avanti il proprio processo evolutivo, può accadere che una delle due rifiuti il dono.

Dono, o possibilità, data a quel determinato punto della propria vita, di modificare in un’ottica evolutiva, innalzandola verso il potere della Luce, la qualità vibrazionale di tutti i propri personalissimi livelli e con essi la propria anima.
insieme

Occasione in genere unica; a volte la si manca. Rispetto del libero arbitrio.

“Noi abbiamo due possibilità: l’amore o la paura”.


 

 

Annunci

7 pensieri su “Continuare ad amare

  1. “Riconoscersi” ,”ricordare chi siamo” è davvero un dono. Hai ragione quando dici che il riconoscimento a volte è immediato altre più lento perché necessitiamo del giusto tempo per reggere l’impatto con la novità…o la Verità. “L’evoluzione”, “il vedere”, “la luce” sono dono o possibilità e a volte questo traguardo lo si manca. I nostri sentimenti possono riassumersi in due soltanto: l’amore e la paura. E la paura è il sentimento che ci impedisce “il vedere”, “la luce”, “l’evoluzione”.

    Mi fai tornare in mente le parole di due pensatori sottili:

    “Dì tutta la Verità ma dilla dosata. La superba sorpresa della Verità è come un fulmine che può accecare. La Verità deve abbagliare gradualmente. O tutti sarebbero ciechi e finirebbero per non vederla più” (Emily Dickinson)

    “Preferiamo ignorarla la Verità. Per non soffrire. Per non guarire. Perché altrimenti diventeremmo quello che abbiamo paura di essere: consapevoli” (Massimo Gramellini)

    Mi piace

      1. Pregevoli commenti, grazie ^_^ E perfette le due differente citazioni. La Dickinson e Gramellini focalizzano l’attenzione su due aspetti diversi della paura di ‘migliorare se stessi’ o di vivere in modo eticamente sano: il non essere pronti e lo scegliere di non farlo voltando lo sguardo altrove, verso i piccoli piaceri e doveri contingenti, la gran parte effimeri, costruiti da noi stessi per noi stessi e che però proiettiamo sugli altri (azione da peccato mortale, perché in fondo in fondo siamo ben consapevoli delle nostre scelte).

        Il pezzo d’anima smarrito è sicuramente sempre una nostra parte, che a volte ci viene dato per miracolo di ritrovare grazie all’altro da noi, la cosiddetta anima gemella, che funge da ‘medium’…Negando ella, rinneghiamo la parte ancora errante di noi…

        Mi piace

  2. Riporto frammenti di ‘commenti’ ricevuti per mail, da parte di anime luminose…:
    “L’energia di cui ci nutriamo anche se a distanza, anche se non non maniera diretta circola e rinvigorisce il Bene” V.
    “….Tutto è cambiato oggi,ma io confido intanto nella mia buona stella per affrontare il futuro,alla faccia di tutte quelle persone che credono di essere furbe” C.
    “che bello leggere le tue riflessioni! E’ da tanto che non ci parliamo…Ma credo nel pensiero di ognuno di noi e non a caso è giunta la tua mail….ho pensato agli anni di esperienze vissute insieme e mi son detta” come sarebbe bello rivivere con Antonella qualche momento formativo!” P.

    Grazie….

    Mi piace

    1. Bello. E’ proprio vero che “quando i pezzi d’anima smarriti si ritrovano, essi si ricongiungono con una naturalezza ed una spontaneità eccezionalmente intense”. Ed è proprio vero che “l’incastro è energetico”…: un nutrimento per l’anima, un espansore della tua forza interiore.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...