Potere scomodo della non-violenza.

La silenziosa scelta di praticare la non-violenza è una forza di per sè… pudica, senza fronzoli, che non assurge a momenti di gloria.
Ci vuole molto coraggio.
Ci vuole tanta umiltà.
Altrettanta centratura.
E pulizia interiore.

Io credo nella vita su questo pianeta in cui l’umanità si carezza e si nutre con ali dolci di luce, miele, parole pensate, musica e fuoco.

Annunci

16 pensieri su “Potere scomodo della non-violenza.

      1. “La forza si genera nell’infinitamente piccolo.”

        Per capire il senso di questa affermazione, dovrei capire il percorso che hai fatto. Così com’è non la condivido.

        Mi piace

      2. “Convivere è necessario. Condividere non necessariamente! 😉
        Questo è un concetto che io condivido.

        L’infinitamente piccolo è la matrice da cui tutto parte.
        E’ la matrix divina;
        è l’essere umano;
        è la cellula;
        è il filamento del dna;
        è l’essenza…di ogni cosa.
        Einstein docet. Io no 🙂 Ma osservo, apprendo, condivido (appunto).
        Il motore propulsore dell’universo si genera negli infiniti frammenti dello stesso. Meglio non lo so spiegare; e non voglio, altrimenti lavorerei per una tesi e non mi rilasserei con uno scritto personale.

        La mia formazione è di tipo pedagogica, poi psicologica junghiana, confluita nel transpersonale e arricchita continuamente da molte differenti esperienze di tipo meditativo. Questo può dire tanto e non dice nulla.
        Il mio percorso è nella mia anima che ri-cerca costantemente, sempre più rispettosa del corpo in cui vive e sempre più severa verso la mente sua alleata.

        Mi piace

      3. Quando ho iniziato la mia ricerca dei principi della vita sino al Principio, mi sono ritrovato in un grosso guaio: come conoscere l’Infinito?

        Pensa e che ti ripensa, mi sono detto che se è il Calcare che cerco, a che mi serve studiare il Monte quando di calcare è fatto anche un sasso?

        Così, ho “studiato” i sassi, e nello studiare i sassi ho “visto” sia l’infinitamente piccolo che l’infinitamente grande! 😀

        La “matrice” di principio, però, è nel e dell’infinitamente grande.

        Negli ultimi post ho ripreso le immagini con cui descrivo i “sassi” che ho trovato.

        Mi piace

      4. Ed è solamente dell’essenziale, che ho inteso dire, infatti.

        Entrare nel particolare ( dire cos’è il bene secondo scrivente ) è, volenti o nolenti, un condizionare il pensiero altrui. In ciò, una violenza che nessuna buona intenzione giustifica, a mio vedere.

        Lieto della condivisione su quanto hai letto. 🙂

        Mi piace

  1. Non crederlo sarebbe un delitto..molte vite sono cambiate seguendo questa linea..molte altre sarebbero cambiate se fermatesi al bivio non avessero scelto di proseguire..chissà forse voltandosi indietro la porta sarebbe ancora aperta…la forza è tutta qui nel credere che dall’unione tra l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande tutto è possibile…altrimenti scrutare l’orizzonte e coglierci l’infinito a cosa serve?
    Ciao

    Mi piace

      1. Succede che a delle domande non si trovino risposte…ma forse la risposta migliore è quella dentro di noi che ci porta a credere in quel potere…la non-violenza…un esempio per tutti anche se non da tutti recepito…ci vuole molta energia dentro e tanta tanta forza…
        Ciao

        Mi piace

  2. A QUALCUNO NON PIACERA’ ….
    MA VA DETTO.

    Ci vuole molto coraggio.
    Ci vuole tanta umiltà.
    Altrettanta centratura.
    E pulizia interiore
    forza di per sè… ECC…ECC…
    IL CORAGGIO E NEI COSI DETTI CONTRIBUTI….
    E FARSI TRASPORTARE DA UNA SANA ( E DICO SANA) REAZIONE SPONTANEA……
    SPECIALMENTE QUANDO VIENE TOCCATO QUALCUNO A TE MOLTO CARO …
    O TE STESSO……
    E CON QUESTO NON DICO VIVA LA VIOLENZA…..
    QUESTO “PASSIVO” CONPORTAMENTO E SEMPRE LEGATO A QUALCOSA
    ANCORA PRESENTE DENTRO DI NOI NON RISOLTA………
    ALLORA E COMPRENSIBILE…………….CIAO

    Mi piace

    1. Un ulteriore osservazione:
      è decisamente vero che ” QUESTO “PASSIVO” CONPORTAMENTO E’ SEMPRE LEGATO A QUALCOSA ANCORA PRESENTE DENTRO DI NOI NON RISOLTO”.
      Non SEMPRE però, se la psicologia non è una tutta una bufala.
      Può essere vero il contrario: è la scelta di chi sa essere molto forte (duro, aggressivo) se proprio necessario e sceglie nelle mille azioni di ogn igiorno, di NON esserlo; sceglie invece di emettere, nella sua relazione con il mondo, onde vibratorie di livello più…elevato? Questa è una scelta molto più complicata da gestire. Richiede MOLTA più forza del’altra, tantissima umiltà e…appunto… pulizia interiore e centratura.
      Arrivederci.

      Mi piace

  3. I cammini sono molto diversi. Il linguaggio anche.
    Io guardo (con totale modestia) al potere che Ghandi ha dimostrato di avere nei confronti di milioni di persone, etnie in pesante conflitto tra di loro. Io penso a Madre Teresa, che col suo caratteraccio e con amore infinito gestiva e salvava la vita a migliaia e migliaia di creature. Penso a Martin Luther King e al debito che la società americana ha nei suoi confronti. Penso a Roberto Saviano e al suo lottare con le parole e la carta. Mi fermo, la lista è lunghissima.
    Come GIUSTAMENTE dice Lucia Sardo: l’atteggiamento “attivo”, maschile, quando ci vuole ci vuole! Ma deve essere breve, circoscritto (tu hai ascoltato tutta l’intervista?). Io stessa ho dovuto applicarne l’uso nel mio quotidiano per legittimissima autodifesa. MA NON VA BENE CHE SIA LA REGOLA DELLA COMUNICAZIONE DI OGNI MOMENTO, A PRIORI.
    Potremmo confrontarci molto su questo argomento delicato, ma non ho intenzione di farlo con una persona che nasconde la sua identità. Chi si nasconde dietro l’anonimato o si vergogna di se stesso/a o intende attaccare alle spalle. Gradirei una tua mail di presentazione, anche per mail privata, visto che il mio indirizo è nel mio profilo.

    Mi piace

  4. esercizio continuo per imparare a scegliere il momento giusto “per sfondare”, con fermezza, e quello giusto per mettere insieme, per sistemare le cose con pacatezza……
    mi sorprendo a fare confusione soprattutto quando sono dis-tratta

    Un abbraccio rotondo 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...