Turbinano venti di sale filato

Immagino il sale grosso, quello marino, dal gusto deciso, che si lascia filare come zucchero.
In superficie è dolce come pianta di terra grassa e sana.
Subito sotto la prima pelle è aspro di onde dello ionio che sbattono testarde sugli scogli bassi, quelli frastagliatissimi.
Io sono.
Io, ci sono.
In qualche modo.

io

Il cuore ha di nuovo cambiato forma e densità.

cuore

La mente sta assumendo nuove architetture.
Attraversamenti.

mente

Certe porte all’improvviso hanno preteso una nuova tinteggiatura.
Ma era indispensabile sgrattarle prima.
Affanno.

Non ho strappato il tulle dal velluto.
Un frammento –ennesimo- di stella vi è precipitato sopra.






Annunci

28 pensieri su “Turbinano venti di sale filato

  1. Che bel viso e che splendida espressione, dolcemente salata…
    se ti ricordi durante la giornata qualcosa ha sfiorato la tua spalla…bè ero io…ma piano piano per non irrompere ma per farti sentire la mia presenza costante accanto a te…
    Baci Vi

    Mi piace

    1. ci sono attimi nel quotidiano in cui all’improvviso t’arrivano da “fuori” (lo senti che non è roba tua) sensazioni.
      Io le percepisco il più delle volte positive: gioiose, tenere, amorevoli. A volte m’arriva anche il pensiero di una persona, il suo nome o il viso e allora intuisco chi è il mittente!
      Altre volte mi giunge solo la sensazione; sorrido dentro di me e sento gratitudine.

      Mi piace

  2. Questo post fa stare bene veramente bene.E’ aria fresca e anche se la stanchezza per un tempo breve o lungo può aver preso il sopravvento resta quel frammento di stella forse a poter cambiare le cose,sai la luce buona delle stelle..
    Buona notte
    Angela

    Mi piace

    1. Non ho ancora capito se l’evoluzione avviene nel corpo-madre della stella o se germoglia dai frammenti che si rompono, risultato di battaglie cruente mai volute, almeno coscientemente.
      Buona domenica di sole&vento.

      Mi piace

  3. Beatitudine. E’ il tuo volto.
    La densità delle emozioni, l’architettura del raziocinio.
    La donna.
    L’uomo.

    L’equilibrio tra maschile e femminile.

    e mi dirai.. che c’entra ora? Non lo so.

    Mi piace

    1. Anand Nadisha. Oceano di Beatitudine. E’ il nome che Osho mi diede tanti anni fa. Un dono così grande che per anni non ne ho compreso il senso. Poi ho capito che era una consegna, un incarico, il senso utile della mia vita.
      Mi colpisce nel profondo più profondo che per la prima volta una persona usi questo aggettivo, tra i mille possibili, per indicar…mi…
      Mi destabilizza; mi rattrista; mi commuove.

      L’equilibrio tra maschile e femminile…avrai percepito, con la tua maghità 🙂 , la fatica segnata sul mio volto del tirare fuori di me la mia parte maschile, quella sanamente “aggressivo-difensiva”, di cui ho sempre abbastanza difettato.

      “Questo mondo è troppo nervoso. Dovrò rinascere” Renato Zero.

      Ti penso con vero affetto.

      Mi piace

  4. Io penso nei frammenti, Anto mia bella,fiori d’amor.
    “Bisogna avere il caos dentro per generare una stella danzante” (F.N.)
    E di quella stella occorre salvare i frammenti, perchè è lì che si nascondono i segreti delle nostre lunghe battaglie.
    Ti cerco da giorni e ci riprovo anche adesso.
    Eccoti!!!

    Mi piace

    1. Aggiungo il dettaglio di una certa treccina che si affaccia impertinente fra i tuoi capelli.
      Sei semplicemente bellissima.
      Sono felice di averti sentita, ma sarò più felice quando ti rivedrò nella prossima piazza!
      Buona domenica

      Mi piace

      1. 7, 8 e 9 novembre, uno o due di questi giorni a Leverano sicuramente!

        La treccina è un legame riconosciuto di madrinato. Irriverente sarebbe rifarla senza di te.
        Intanto, goditi l’energia della civiltà celtica!

        Mi piace

  5. Ciao Antonella ,come sempre le tue parole sono piene ,di tutto quello che serve per essere capite.
    Il tuo dolce viso e’ bello ,espressivo,trasmette tanto come il primo giorno che ti ho conosciuta.
    Mi lasci un po’ stranita quando dici che il cuore ha preso forme e densita’ diverse spero in meglio.
    Se poi quel frammento di stella caduto sul tulle ,e’ venuto giu’ dagli occhi,significa che quel frammento era importante per te.
    Antonella,se non ho saputo leggere nelle righe mi scuso ,un abbraccio a presto ciao.

    Mi piace

    1. la magìa della scrittura sta nel fatto che ognuno può (e deve) leggerle anzitutto con il proprio dito sotto la riga. e perciò ogni interpretazione è legittima e spesso azzeccata. 😉

      le diverse forme e densità del cuore accadono come accade che piova e poi tiri vento ed esce il sole e il contadino ara la terra…è l’inevitabile accadere di chi tenta di vivere finchè respira…

      Ricambio l’abbraccio con luce di stelle!

      Mi piace

      1. Leggevo con attenzione le tue parole buttate come perle preziose in questo spazio, dove ti racconti come chi si butta su un materasso di lenzuola pulite, per poi trasformarti in tutto quello che vuoi. Belle le immagini che riesci a rievocare solo con le parole. Le foto sono solo l’aggiunta, ma la vera bellezza è la tua scrittura.
        Ti incoraggio a scrivere sempre così, stando su questo filo immaginario di immagini.

        Ciao
        Sun

        P.S. Grazie per avermi aggiunta accettando la richiesta :wave:

        Mi piace

  6. eccomi finalmente
    scorrendo questo post mi è sembrato di vedere un album di matrimonio,
    morbide ed eleganti immagini,
    sono contenta per qualsiasi cosa tu stia vivendo,:)
    frutto sicuramente di tanto duro lavoro.

    Da stamattina non riesco a non pensare ad un segno che sul tuo viso era particolarmente evidente quando ti ho vista a giugno. Adesso non ci sarà più.
    Un abbraccio grande di velluto e tulle
    Maria Grazia

    Mi piace

    1. Non essere certa, anima attenta, che quel segno non ci sarà più…(in privato ti chiederò di dirmi quale, dei tanti, era più evidente): per gente come me, la vita è fatta di paradossi, spesso consapevoli…

      Mi prendo intero tutto l’abbraccio! Sai che mi manchi?!

      Mi piace

  7. Velluto e tulle, sì. Trovo che Maria Grazia abbia detto, di nascosto, cosa c’è dentro questo post. Grattare le porte prima di tinteggiarle – è il senso della ricerca di se stessi. Ci sono momenti in cui è necessario andare a scovare quello che si era nascosto dentro, seppellito da costruzioni, sedimenti, polvere, fango – la nostra lucetta. E’ un bel lavoro, Antonella – fa anche un po’ di male, qualche volta, ma è come quando in montagna si sale lungo la pendenza di un sentiero, sapendo che dopo il passo, ci aspetta una nuova, più verde, valle…

    Mi piace

    1. ti è mai capitato di andare avanti passo dopo passo dovendo accettare l’evidenza che non hai assolutamente idea di cosa troverai dopo? E il cuore altera il battito e se ne va per fatti suoi, inaspettatamente più anarchico della testa.
      E però, momenti prima di …restarci… fronde luminose, brezza odorosa, animaletti quieti, che tu non li stavi proprio considerando, attraggono la tua attenzione; ti tirano uno scherzo scomodo: ricordarti ennesimamente che vivere su questo pianeta è meraviglioso. Nonostante la pesantezza di molta umanità.
      Disappunto per l’intempestiva rimembranza!

      Mi piace

      1. Conosco quei momenti. Ero un archeologo alla ricerca di una persona che si era persa dentro di me. L’avevo messa a tacere, ma in giro trovavo i suoi dipinti rupestri. Alla fine, mi sono trovato.

        Mi piace

      2. Tutto quello che avevo perso, sì.
        Rimane il mistero di che cosa ciascuno sia fino in fondo. Ma non cerco risposte: è, appunto, un mistero, e come tale, va rispettato.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...