Con la faccia oscura della Luna

benvenuto

Mi fermo stanca in un universo verde. Da sotto a sopra.
Tra i capelli e oltre, i monti disegnano vette. Scivola un’umanità lontana che non manca.
Assenze urlate.
Piccoli gioielli del mondo delicato chiamano i piedi calzi reggenti sacchi di mente.
Le facce oscure in viaggio con due mappe in molti tratti speculari si colorano di un giusto intento.

prove
Si sta per arrivare al discreto cartello che indica l’accesso alle terre sacre delle lucciole e delle fate.
luogo
Se altri viandanti passano dritto senza accorgersi del mondo appena sfiorato, tanto meglio.

Se_Alice

Un uccello dal nome a me sconosciuto cinguetta su un ontano maestoso. Intorno a loro e a me e alla sorella, altra faccia oscura di un’altra luna e della Stessa, un bosco di ontani e un prato di rugiada fresca.
freschezza
Il cinguettio ha un incarico: richiamarmi all’Appartenenza. Dovunque fossi in quel momento, in qualunque luogo mi fossi trovata, avrei saputo con certezza che non esisteva nessun altrove.

Non ci sono mai luoghi altrove.
zen

L’Essere mi fa suono e fanciulla.

però ho un po' paura
Mi prende per mano dentro e fuori per entrare con me, premuroso cavaliere, paziente madre, nel casolare dei cerchi bianchi.
da-anatroccoli
Al polso giustizia e libertà, bracciale di treccia rubino come vino e marrone di terra grassa.

I riallineamenti sono in atto. Vocabolario nuovo tutto da sfogliare.

nuovi-cerchi

Accadranno cose.

Annunci

10 pensieri su “Con la faccia oscura della Luna

  1. Le tue foto raccontano molte storie.
    Parallele al testo, aggiungono particolari.
    Per chi sa cogliere o tenta di sapere vivere con Coraggio.

    Fronte davanti Fronte, dignità, fierezza.

    Tentativo di vivere con coraggio

    (la foto di M. C.!)

    🙂

    e Pancho, che sa già tutto?

    (sei su skype?)

    Mi piace

    1. cara, è vero Pancho sa già tutto! 🙂

      Noi tentiamo di sapere, tentiamo… ma siamo così piccoli/e!

      Questo è un post su quel breve momento di pausa prima di arrivare al casolare. Ricordi? La pace infinita, la cagnetta curiosa, l’erba bagnata… e giungono così i segni-messaggio.

      Sarò su skipe nel tardo pomeriggio/prima serata: proverò a incrociarti. Kiss!

      Mi piace

  2. Il ritorno alle cose semplici alla natura ci fa sempre stare bene.E’ come un qualcosa che ci chiama e a cui non sappiamo rinunciare e soprattutto a cui non vogliamo rinunciare.
    Buona giornata
    Angela

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...