160 scintille

159 hanno colori vivi. Di una, non sai.
I due mondi sono in guerra. Non sono previsti feriti.
Sono state invocate tutte le falangi.
eserciti
L’esercito nemico indossa corazze dalle tinte meste e cupe (pietismi, ipocrisie, menzogne, strafottenza, cinismi sono il filato della trama e dell’ordito).
Sgradevole sensazione di sporco. Stai apprendendo che i corpi portatori di animefango fetono.
Volto, petto, grembo, in prima linea.
ferite
Brandisci le spade per invocare giustizia.
A volta le ginocchia si piegano, molli di inadeguatezza (in verità solo presunta).
Vorresti un petto d’uomo si cui posare il capo; nei brevi momenti di riposo.
riposo
Il dio misericordioso è anche un dio impietoso.
Ti sbatte sul campo della prima battaglia. Tu svicoli, attui strategie di evitamento e, in un certo modo, eviti l’impatto frontale.
Credi ti sia andata bene!
E così è. Per una volta. Per due. Per tre.
Fino a che a dio non gli gira che adesso basta: è giunto il momento in cui vuole proprio vedere che cavolo di combattente sei!
Peccato che tu cominciavi ad illuderti di poterla fare franca
decisioni
perché sei una persona onesta, agisci in pace, sorridi all’umanità e sei pure vegetariano!

Comprendi, ed è già troppo tardi, che è proprio per questo che ora ti tocca.
Accetta la lotta. Dichiara guerra.
O vinci
o muori.
avanti

Annunci

10 pensieri su “160 scintille

  1. Arriva sempre, prima o poi….il momeno in cui dobbiamo far vedere (… e principalmente a noi stessi), chi siamo e cosa valiamo!
    La metafora del dio, che impietosamente ci pone in mezzo ad un campo di battaglia, senza più evitarci, come aveva fatto in precedenza,qualsivoglia combattimento…..mi ha fatto riflettere sul fatto che, spesso dobbiamo affrontare situazioni che volentieri ci butteremmo dietro le spalle, ma è giusto non delegare altri al nostro posto…ma affrontare con irremovibile determinazione i pesanti intralci che la vita può mettere davanti al nostro cammino!

    Mi piace

  2. Succede di trovarsi di fronte ad un bivio,lottare o scappare via,ma è proprio in questi momenti, indipendemente dal favore degli dèi, che bisogna combattere.In fondo io credo che ognuno di noi ha un’anima guerriera e anche se a malincuore tocca tirarla fuori.Coraggio andrà bene noi donne siamo sempre le più forti in queste cose.
    Buona giornata
    Angela

    Mi piace

  3. a volte mi ritrovo a rendermi conto che il momento peggiore della battaglia è quello che la precede perchè si riempie delle immagini che mi faccio di ciò che accadrà. quando sono lì con il petto aperto, lo sguardo all’orizzonte e sulle labbra sussurrato un inno sacro, sono già oltre.

    un abbraccio vado di là dell’oceano.
    francesco

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...