focus su una terra di sangue scuro

Dietro i confini, solo apparenti, le porte sono perennemente socchiuse…
Monito per chi supera allegramente i varchi. Si va cauti.

no confini

Le vie sono già tracciate. I segni sparsi. Decodifica senza verbo.
Coraggio.
via

Passioni-pugno.
Anche chi ha le cellule intrise dello stesso sangue fa fatica a reggere.
Ritmi pulsanti, violentemente, incalzano;
giochi guerrieri di aria del canale, foglie lanceolate, morbide pietraie.
IIIchakra

Nel fondo delle caverne gli scrigni “dei preziosi”.
preziosità

…Per chi non torna indietro.

Annunci

22 pensieri su “focus su una terra di sangue scuro

  1. posso essere riduttiva e dire
    MERAVIGLIOSO ?
    la tua voce di ieri aveva già detto tutto, come la mia, d’altro canto.
    fremo di vita, di paura, di terra e di quei gusci che fatichiamo tanto a incrinare.
    la fata-pulcina ti bacia l’orlo della veste, Signora.
    🙂

    Mi piace

      1. ancora varchi…
        luce.
        luce.
        stasera occhi di scoiattolo m’ha donato una splendida candela color amaranto con legato un amuleto.
        legami di carne, intoccata, e sogno.
        Porte si aprono e forme appaiono. A chi sceglie, almeno un pochino, di vedere.

        Mi piace

      2. perché gli eletti non possono prescindere dall’attraversamento di ombre individuali e colletttive. Non gli è dato. In questo, possono umanamente scordare che in realtà, più di tutti, cercano, anelano, troveranno se persistono, luce!
        Abiti lunghi di canapa bianca trattengono, solo ai bordi però, polvere scura.
        Con delicatezza, ti abbraccio.

        Mi piace

      3. C’è una vecchia canzone di Vecchioni che parla di un lanciatore di coltelli, mi pare cercasse di tracciare l’esatta sagoma delle stelle o dei sogni…forse è così per alcuni…ma aggiungo solo che
        ti ho risposto privatamente

        Mi piace

  2. Belle queste foto, i ranuncoli tra i miei fiori preferiti.

    Ieri finito di vedere “sangue vivo”, mi ha lasciato una grande amarezza dentro…

    ciao ciao

    p.s: invece voglio che qualcuno mi dica dov’è quello scorcio di mare che si vede in “La terra”…tu ne sai qualcosa?

    Mi piace

    1. E’ l’amarezza che dà la forma all’anima della mia gente. Che tanti di “noi” incarnano in misura massima ma molto ben conservata nel profondo degli sguardi. Credo che senza di quella, intrecciata con un’altrettanto atavica e pacata malinconia, non sarebbe possibile l’esistenza della nostra leggerezza e dell’accoglienza allegra e di cuore che tanto piace agli “stranieri”.

      De “la terra” ho visto solo il trailer, dove c’è una scena girata in un mare che è certamente Ionio: da Leuca a Taranto, e solo su quel lato, sono diversi i tratti così.

      Mi piace

    1. Quando in natura si “entra” nella meraviglia di esistere, non serve altro. Poi, niente! 🙂 Il nostro essere, a tutti i livelli, si dissolve in una parentesi (!) di quiete.

      L’estate, per me è stagione-acme di tutte le emozioni; le altre stagioni son graziose ancelle che le tengono il velo.

      Un inchino…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...